ufficializza la nomina di Ayacucho a diventare patrimonio mondiale dell'UNESCO

Il Ministro della Cultura del Perù, Salvador del Solar, il sindaco della provincia di Huamanga, Hugo Aedo, e il presidente di Patronato Pikimachay, Carlos Añaños, hanno firmato una convenzione che ufficializza la nomina di Ayacucho a diventare patrimonio mondiale dell'UNESCO. Secondo i funzionari del comune di Huamanga, la cerimonia della firma si è svolta nel complesso architettonico di Wari nella regione meridionale dell'Ayacucho. All'evento hanno partecipato anche il ministro delle abitazioni, delle costruzioni e delle misure igieniche Carlos Bruce e il governatore della regione di Ayacucho, Wilfredo Oscorima, tra le altre autorità. "Siamo orgogliosi del nostro paese, della nostra cultura, della storia che abbiamo ereditato dai nostri antenati Wari", ha espresso Aedo.

"[...] stiamo già articolando gli sforzi per portare questo processo di candidatura all'UNESCO, quindi un file tecnico sarà pronto per entrare nella lista provvisoria dei siti del patrimonio mondiale", ha detto il sindaco. Durante la cerimonia, l'autorità provinciale ha ringraziato il sostegno fornito dal ministro della Cultura e dal presidente Patronato Pikimachay. "Stiamo per unire gli sforzi per rendere questa applicazione una realtà: il Comune di Huamanga sta già lavorando per il recupero e la valorizzazione del centro storico attraverso il Piano Copesco, nonché per la costruzione del sistema di drenaggio [. ..] e il recupero dei principali atri dei templi coloniali nella città [...]", ha aggiunto.

Da parte sua, il ministro Salvador del Solar ha sottolineato il ruolo di primo piano svolto da Ayacucho, una regione che, in particolare, rappresenta l'indipendenza definitiva della nazione incaica e dell'America Latina. Secondo il membro del gabinetto, la sua amministrazione ha recentemente condotto un'operazione di indebitamento con la Banca interamericana di sviluppo (IDB) allo scopo di valorizzare il centro storico di Huamanga. Implica S / 43 milioni (circa US $ 13,27 milioni). "Ci aspettiamo di [...] rafforzare [l'area] con il budget necessario per migliorare le sue attrazioni, quindi lavorano come una calamita e attirano i turisti nazionali e stranieri, trasformando così la regione in un polo turistico", il governo membro concluso.

Comparte información, comparte valores
© Copyright Agencia de noticias Agencia Andina

Buone notizie anche dal MAB

Il meeting del Consiglio di Coordinamento Internazionale dell'Uomo e della Biosfera (MAB) a Parigi ha aggiunto 23 nuovi siti alla Rete Mondiale della Biosfera, di cui quattro che si trovano a cavallo dei confini nazionali. Queste aggiunte sono state fatte durante la riunione del Consiglio della MAB a Parigi dal 12 al 15 giugno.

Per quanto riguarda il Perù il Consiglio ha inserito nella rete mondiale la Riserva della Biosfera transfrontaliera di Bosques de Paz (Ecuador / Perù) - Situato nel sud-ovest dell'Ecuador e nel nord-ovest del Perù, questo sito copre un'area totale di 1.616.988 ettari. Comprende i territori delle colline occidentali delle Ande, con altitudini che raggiungono i 3000 metri, che hanno generato una biodiversità con un alto grado di endemismo. La riserva della biosfera comprende le foreste stagionalmente secche dell'Ecuador e del Perù, che costituiscono il cuore della regione endemica di Tumbes, uno dei più importanti punti caldi della biodiversità del mondo. Questa regione ha 59 specie endemiche, di cui 14 sono minacciate. La maggior parte dei suoi 617.000 abitanti vive di bestiame e turismo.

Le Riserve della Biosfera sono luoghi di apprendimento per lo sviluppo sostenibile il cui scopo è riconciliare la conservazione della biodiversità e l'uso sostenibile delle risorse naturali. Nuovi siti sono designati ogni anno dal Consiglio della MAB che è composto da rappresentanti di 34 membri eletti dall'UNESCO.

58x1000 all'Erci Team Onlus

Info & Copyright

© ERCI TEAM ONLUS
Via Luigi Pasteur, 15 - 67051 AVEZZANO (AQ)
Iscr. Anagrafe Unica Onlus 14 Luglio 2004, Prot. N. 26548
Cod. Fisc. 90026930660

Email:info@erciteam.it

Nella Puna andina di Antonio Raimondi

Puja Raimundi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.